Il sogno, il desiderio e l’enigma di chi siamo: una riflessione da Kafka sulla Spiaggia di H. Murakami

La domana è quale sia il confine, se mai veramente ci sia, tra sogno e realtà.
Se non sia più reali gli accadimenti nel sogno rispetto a quelli che conosciamo nella quotidianità.
Questa riflessione, che ha una lunga storia nella letteratura e non solo, e che viene riproposta anche in “Kafka sulla Spiaggia”, riporta di conseguenza al “Doppio Sogno” di A. Schnitzler, dove sappiamo quanto alcune fantasie e desideri umani, siano più autentici nei sogni che non in quello che le persone raccontano, a se stessi e agli altri, durante il giorno.

Kafka sulla Spiaggia è indubbiamente molte cose, e sarebbe impossibile elencarle, né tantomeno approfondirle, tutte.
Sicuramente però è un libro sull’altro lato della realtà umana. Quello in cui la mente e gli affetti sono lontani dal controllo della coscienza, e dove gli avvenimenti si rivelano nella non-consapevolezza, abitando i nostri stessi spazi privati.
Spazi in cui le logiche razionali si trovano in uno stato si sospensione, e le regole che dominano il tempo (apparentemente) abituale trovano la ricchezza del proprio lato oscuro.

Kafka sulla Spiaggia ci ricorda la nostra moltitudine, e che siamo un continuo racconto, da ascoltare se vogliamo conoscere la storia che ci riguarda. Oltre il tempo del passato, del presente o verso il futuro.

Nel sogno riviviamo, rivediamo o sperimentiamo per la prima volta, nuove versioni degli accadimenti, e di noi stessi, per scoprire altri nostri bisogni e desideri.
Nel sogno avviene il dis-velamento (velato) delle potenziali direzioni che alcune parti di noi vorrebbero esprimere.

La direzione che si percorre nell’espressione e non nell’andare.

Ci scopriamo, in questi luoghi, solo apparentemente oscuri (perché a volte troppo chiari) come persone di desiderio, dove ombre e luci prendono voce all’interno di spazi dal “rumore assente”.
Siamo nell’oltre del rito abitudinario che genera la confusione della quotidianità.

Il confronto che emerge, se lo si vuole, è con sentimenti scomodi e illuminanti, lungo il buio che, se attraversato, porta sempre alla vicinanza con se stessi. Il cambiamento continuo tra crescita e fatica.

Chi siamo, chi potremmo essere, chi vorremmo essere: magari finalmente portati a scoprire parti e aspetti insospettabili. Imprevisti.
È il regno dell’ignoto e dell’essere continuamente un enigma.
Regole da scoprire, carte da voltare e collegare per riuscire ad avvicinarci al segreto di chi siamo. I nostri affetti e sentimenti.

Nel sogno incontriamo i frammenti del racconto di noi stessi, senza sapere quale sia la parte che ci appartiene, e quale l’illusione. Se illusione mai ci sia.
Siamo noi e la nostra stessa estraneità. Le zone esiliate che ci riportano ad un viaggio-casa.

Francesco Urbani
urbani@casadinchiostro.it
www.francescourbani.it

Kafka sulla Spiaggia di Murakami Haruki, edito da Einaudi, 2008
Previous post Il Corpo come Opera d’Arte
Next post La Speranza come Passione, la Speranza contro il Dolore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.