“Le Braci” di Sandor Marai

Due Uomini al termine della loro vita, decidono di fare i conti con il proprio passato.
Senso e ruolo della memoria, che diventa metafora del senso della storia nel nostro mondo occidentale.

L’amore, l’amicizia, la fedeltà, ma anche la lealtà verso le proprie tradizioni e la propria famiglia.
Ma anche quel bisogno di individuazione, insito nell’essere umano, che è necessità di trovare un proprio posto nel mondo.

Un capolavoro della letteratura mitteleuropea. 

 

Francesco Urbani
www.francescourbani.it
urbani@casadinchiostro.it

Trama
Come un Roth o uno Schnitzler allo stato incandescente: così ci appare oggi, fin dalle prime pagine, questo superbo romanzo. Ma anche, si potrebbe aggiungere, come una sequenza di scene viste attraverso l’obiettivo di Max Ophüls. Quanto all’autore, Sándor Márai fu uno di quei grandi a cui accadde, per un certo tratto della loro vita, di essere famosi e che i cataclismi politici finirono poi per relegare ai margini. Questo libro riaffiora dunque dall’oblio – con il gesto imperioso di qualcosa che non si potrà più dimenticare.
Dopo quarantun anni, due uomini, che da giovani sono stati inseparabili (una di quelle amicizie maschili non meno intense del rapporto fra due gemelli monozigoti), tornano a incontrarsi in un castello ai piedi dei Carpazi. Uno ha passato quei decenni in Estremo Oriente, l’altro non si è mosso dalla sua proprietà. Ma entrambi hanno vissuto in attesa di quel momento. Null’altro contava, per loro. Perché? Perché condividono un segreto che possiede una forza singolare: «una forza che brucia il tessuto della vita come una radiazione maligna, ma al tempo stesso dà calore alla vita e la mantiene in tensione». Tutto converge verso un «duello senza spade» – e ben più crudele. Tra loro, nell’ombra, il fantasma di una donna. E il lettore sente la tensione salire, riga dopo riga, fino all’insostenibile, mentre scorre una prosa incalzante, nitida, senza scampo.
Le braci fu pubblicato per la prima volta nel 1942.

L’autore
Sándor Márai, (Košice11 aprile 1900 – San Diego22 febbraio 1989), è stato uno scrittore e giornalista ungherese naturalizzato statunitense. La sua fama è legata in particolare al romanzo Le braci del 1942(apparso in Italia nel 1998) e L’eredità di Eszter, pubblicato nel 1999.

Scheda Tecnica dell’Editore Adelphi
www.adelphi.it
https://www.adelphi.it/libro/9788845913730

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Social profiles