La leggerezza e la meraviglia della vita. Riflessione su “Un appunto” di Wislawa Szymborska

Quante volte guardiamo alla vita come qualcosa di complesso. Qualcosa di cui non riusciamo a cogliere il senso fino in fondo. Tutto questo apre ad una mancanza, ad un’assenza. Ed è questo continuo mancarci qualcosa, che ci porta ad avere una direzione nell’esistenza. Perché è da ciò che ci manca, o che sentiamo assente, che nasce il desiderio.
La voglia, o il bisogno, di colmare una distanza e di riempire uno spazio.

D’altronde ogni desiderio ne fa nascere un altro, proprio perché ciò che più amiamo non riusciremo (per fortuna) ad averlo mai completamente.
Altrimenti ce ne stancheremmo, e amore e stanchezza non possono mai abitare lo stesso spazio.

Accanto a tutto questo, che in qualche modo ci direziona e orienta nell’esistenza, vi è qualcosa della vita di molto più leggero e intangibile. Ma non per questo meno importante o superficiale.
E’ la vita con la sua imprevedibilità, con la sua essenza e la sua natura.
Fuori dal nostro controllo.
La vita che ci propone una bellezza che a volte facciamo fatica ad afferrare. Che spesso non vediamo, persi e confusi come siamo nel tenere sotto controllo e a gestire il nostro quotidiano.

Eppure la leggerezza è ovunque, pronta ad accoglierci e ad avvolgerci, con tutta la sua splendida meraviglia.

Questo uno degli insegnamenti della grande scrittrice polacca.


UN APPUNTO
La vita – è il solo modo
per coprirsi di foglie,
prendere fiato sulla sabbia,
sollevarsi sulle ali;

essere un cane,
o carezzarlo sul suo pelo caldo;

distinguere il dolore
da tutto ciò che dolore non è;

stare dentro gli eventi,
dileguarsi nelle vedute,
cercare il più piccolo errore.

Un’occasione eccezionale
per ricordare per un attimo
di che si è parlato
a luce spenta;

e almeno per una volta
inciampare in una pietra,
bagnarsi in qualche pioggia,
perdere le chiavi tra l’erba;
e seguire con gli occhi una scintilla nel vento.

e persistere nel non sapere
qualcosa di importante.

Wislawa Szymborska


Francesco Urbani
Psicologo-Psicoterapeuta-Supervisore
urbani@casadinchiostro.it
www.francescourbani.it
www.casadinchiostro.it

Sostieni Radio Kafka con una donazione
Iban IT25F0306967684577764149731
Intestato a Blog Radio Kafka
Banca Intesa Sanpaolo Spa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Social profiles