Alla Ricerca del Vero Sé

Il Vero Sé è un nucleo che abita in noi e da cui si generano i nostri gesti spontanei e i nostri autentici pensieri. Pensieri che sono in dialogo con il mondo e con gli altri, ma che non sono mai il risultato della compiacenza. Sono, infatti, pensieri che non nascono per far contenti gli altri o per apparire belli ai loro occhi.

Quando i nostri gesti sono veri, ed esprimono noi stessi, la sensazione è quella di essere autentici, ricchi di emozioni e assolutamente reali. Cosa che non avviene quando il nostro Sé è falso, perché in quel caso ci sentiamo demotivati e senza una spinta creativa.

Il Vero Sé è sempre l’inizio della vita e passa attraverso l’incontro con persone che sappiano valorizzarlo e riconoscerlo, ovvero legami che non lo rifiutano o lo negano.
Perché se, in un momento di fragilità, si sente che le persone significative della propria vita, ci allontanano se si esprime se stessi, è probabile che si tenda a manifestare all’altro solo un falso Sé compiacente.
Questo purtroppo a volte è un meccanismo di difesa doloroso che però permette di non essere abbandonati e di non sentirsi ulteriormente soli.

Bisogna sempre ricordare che il Vero Sé emerge dal dialogo e dall’armonia delle nostre parti, e dal fatto che le sensazioni e le emozioni abbiano la possibilità di essere “cittadini” del nostro universo, personale e relazionale.
E’ l’esperienza del vivere che aumenta la creatività e che a sua volta ne è arricchita di conseguenza.

La strada verso l’autonomia, che è autentico contatto con l’altro, è allora la via che deve essere perseguita, mentre vanno evitate quelle relazioni che invece cercano di castrare l’immaginazione, le risorse, e le parti di Sé che considerano scomode (per loro!).

Nel Vero Sé si costituisce, quindi, una membrana sottile, evidente anche se non rigida, tra esterno e interno, e quindi non c’è confusione tra quello che è nostro e quello che è dell’altro. Tutto questo sia in termini di capacità, interessi e creatività, sia in termini di responsabilità e limiti.

Il Vero Sé è, in questo senso, sempre complessità e ricchezza, quindi non può esistere dove veniamo spinti ad immiserirci e impoverirci (affettivamente e relazionalmente).
Anzi è la capacità dire agire autonomamente, criticamente, creativamente, e autenticamente agli eventi, proprio manifestando le proprie emozioni, sia negative sia positive, senza sentirsi castrati o giudicati.

In questo senso ci si sente capaci di stare al mondo e si affronteranno con più forza le avversità della vita.

Nel Vero Sé, e tramite i legami che sanno rafforzarlo e non indebolirlo, vi è un sistematico aumento del senso di realtà, e c’è anche un incremento della capacità di affrontare sempre meglio le avversità, e di esprimere soluzioni creative nei vari accadimenti della vita.
Questo, però diventa possibile anche grazie alla presenza di un ambiente che sappia accettare le persone nella loro globalità e in tutte le loro caratteristiche: intellettuali, emotive e umane.

Francesco Urbani
urbani@casadinchiostro.it
www.francescourbani.it

 

Immagine tratta dal film "Noi siamo infinito" di S. Chbosky (2012)
Previous post Ballata dei Desideri
Next post La fragilità come possibilità dell’amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social profiles